IRAN: BUGIA DELLA CIA
Music: Stop Play
 
 


 

 
attendere il caricamento delle immagini...
 

L'Iran è un paese meraviglioso per la sua antica civiltà,le sue incantevoli donne e, perchè no, i suoi attraenti giovanotti.
Difficile certo che gli Americani possano apprezzarne la cultura (i loro nativi, quando furono scoperti, vivevano ancora all'età della pietra...), ma i turisti europei non dovrebbero farsi spaventare dalla propaganda.

Gli scacchi sono stati giocati per secoli in Iran, talvolta anche con l'aiuto dei dadi e spesso per soldi.
Perciò tempo addietro erano stati proibiti come gioco d'azzardo, ma una ventina di anni fa proprio l'Ayatollah Khomeini (si, quello che dette "Shah Mat" allo Scià) li aveva permessi e incoraggiati, tanto che attualmente sono in piena fioritura e, checché ne dica la CIA, soprattutto nel settore femminile!
Vi presentiamo degli scacchisti, uomini e donne, bravi ed affascinanti, mentre vi informiamo che il nuovo, giovane presidente ha unificato le sezioni maschile e femminile della federazione scacchistica.

 

   
Il Maestro Shirin Navabi - ELO 2125   Khachatourian Yeraz   Shiva Mahboobi

   
Il Grande Maestro
Elshan Moradiabadi
ELO 2439
  Il Maestro Internazionale
Morteza Mahjoob
ELO 2445
  Il Maestro Shojaat Ghane
ELO 2397
 

 
Una coppia di ottimi scacchisti
Ghaem e la moglie Shayesteh
  Gli arbitri del campionato femminile


Col permesso del Corano
la bella Shirin gioca con un uomo...

 


 

Iran: una meta turistica da considerare ed un paese che, nonostante l'ostilità di certe potenze, sta facendo il suo cammino anche nel settore del gioco degli scacchi, avvicinandosi alla comunità internazionale.
Altro che "potenza del male" come l'ha definita ottusamente Bush!

 

 
La bella Tabriz   Il bazar dei tappeti

Il castello di Kerman

 
Il Santuario dell'Imam Reza   Il Palazzo Golestan

 


Chiudi questa finestra
© 2004 100torri.com