RE NEMICO... IO TI AFFOGO!
 
 
 

Come si vede nella figura lo scacco matto "affogato" spesso avviene quando il re è ridotto in un angolo. I suoi stessi pezzi gli precludono ogni via di scampo.


Ma questo "annegamento" può avvenire anche al principio della partita, come il famoso "matto" chiamato "Blackburne shilling", con cui il noto scacchista vinceva dei soldi (gli "shilling", scellini) dai dilettanti che cadevano nella sua trappola.

 


 

In ambedue i casi il "crimine" di "lesa maestà" è effettuato dal Cavallo, il solo che possa minacciare il Re avversario sebbene questo sia protetto (per modo di dire) dai propri pezzi.
È infatti sempre l'Equino che "affoga" Sua Maestà, in quanto egli è l'unico pezzo che può minacciare il "matto" saltando al disopra delle barriere difensive e per il quale non si può mai parare l'attacco interponendo del proprio materiale.

 

 

Vedremo ora (se disponete di Java) due partite realmente giocate in cui si è verificato un rapido "matto affogato".
Per vedere la successione delle mosse, aprite la pagina corrispondente e cliccate sul segno >


Questa è forse la prima partita documentata ove il Re subisce tale "matto" sorprendente: si è infatti giocata nel 1620 fra uno sconosciuto ed il campione italiano Gioacchino Greco, che riesce ad "annegare" l'avversario dopo sole 13 mosse. L'apertura è l'italiana, detta anche di "gioco piano".

 


Ed infine un altro incontro del 1888 in cui il campione inglese Griffith applica la cosiddetta "trappola di Mortimer". Costui era un Americano che, quando aveva il Nero, giocava talvolta una mossa debole con la speranza che l'avversario facesse uno sbaglio madornale...
L'apertura è stavolta una "Ruy Lopez", a cui ha dato il nome il famoso scacchista spagnolo, che noi appunto chiamiamo "spagnola". Sembra incredibile, ma Griffith riesce a dare "matto affogato" al suo avversario (di cui pietosamente la Storia non ha tramandato il nome) in sole 7 mosse!
Il Cavallo, un pezzo minore, può dunque (in qualche caso) dare matto al Re, la figura più importante...

 


Ammiriamo il pittoresco quadro sottostante e riflettiamo che, talvolta, anche nella vita, se si agisce con astuzia e determinazione, anche chi appare debole più vincere un avversario più altolocato, nonostante esso si circondi di guardie del corpo agguerrite!

 

 


 

 


Chiudi questa finestra
© 2004 100torri.com